Segui carpizeronove su

Blogger Facebook FriendFeed Twitter

I Form di Carpizeronove

Le Petizioni di Carpizeronove

Si parla di...

Aggiornamenti via mail

Scrivi il tuo indirizzo mail:

Delivered by FeedBurner

Chi cerca Carpi cerca...

Si è verificato un errore nel gadget
Si è verificato un errore nel gadget
giovedì 8 luglio 2010
In ferie la farmacista dell’ospedale

«Ho una malattia rara, non ho potuto prendere il farmaco perché la farmacista dell’ospedale in questi giorni non c’era».
La denuncia arriva da una signora carpigiana, che per ovvie e comprensibilissime ragioni vuole restare nell’anonimato.
La donna soffre di angioedema ereditario, una patologia molto rara e potenzialmente mortale, e che deve essere curata con un farmaco specifico, il Berinert, un vero e proprio salvavita.
«In questi giorni devo partire, e, visto che devo avere sempre con me il medicinale, mi sono recata presso la farmacia del Ramazzini, dove hanno il mio protocollo.
Ma sono dovuta andare via a mani vuote: il farmaco non può essere rilasciato da un tecnico, ma dalla farmacista responsabile, che non era presente».
Non potendo aspettare oltre il rientro della farmacista, la signora si è rivolta al Policlinico di Modena, dove nel giro di poche ore le sono state consegnate le scatole di Berinert, farmaco di vitale importanza per chi soffre di questa malattia.
«Capisco il diritto alle ferie, ma l’Ausl dovrebbe provvedere alle sostituzioni temporanee».
«Si è trattato solo di un fraintendimento - minimizza il direttore del distretto Claudio Vagnini -, la signora si è spazientita subito quando ha sentito che la farmacista era assente, ma poteva rivolgersi al punto di distribuzione diretta dei farmaci, al primo piano, dove è sempre presente un farmacista autorizzato a fornire il medicinale».
Se è vero che un disguido c’è stato, potrebbe anche essere figlio della cattiva informazione che purtroppo esiste nei confronti delle strutture ospedaliere.
«Ma non c’è nessuna carenza nella dotazione dei farmacisti in ospedale» tiene a precisare Vagnini.

Angioedema: a Carpi ne soffrono in quattro
Zoom sulla malattia

L’angioedema ereditario è una patologia rara che si manifesta tramite la comparsa di gonfiori della cute, delle mucose e degli organi interni.
A Carpi sono 4 le persone affette dalla malattia; si stima che nel mondo ne sia colpita una persona su 50.000, ma i casi non diagnosticati sarebbero molti di più: la tempistica degli attacchi varia moltissimo di caso in caso, e a volte possono essere valutati male dallo stesso medico.
Particolarmente pericolosi sono i gonfiori a carico delle vie aeree superiori (laringe, naso, lingua), che possono portare anche a morte per soffocamento nel caso il trattamento non sia tempestivo.

(da.fra.)

0 commenti:

Posta un commento

I commenti ritenuti offensivi saranno rimossi.

Generatore automatico di risposte della Giunta


Ricaricare la pagina per avere una risposta diversa.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

News in rete

AVVERTENZA: Le notizie raccolte in questo riquadro (e nella pagina a cui rimanda) sono estrapolate dalla rete in modo automatico utilizzando diverse chiavi di ricerca. Non tutte le notizie sono coerenti con l'argomento e non tutte sono recenti.

Cerca

I Blog dei Politici

Terre d'argine

Si è verificato un errore nel gadget

Lettori fissi