Segui carpizeronove su

Blogger Facebook FriendFeed Twitter

I Form di Carpizeronove

Le Petizioni di Carpizeronove

Si parla di...

Aggiornamenti via mail

Scrivi il tuo indirizzo mail:

Delivered by FeedBurner

Chi cerca Carpi cerca...

mercoledì 18 agosto 2010
Ricevo e pubblico:

La rete idrica di HERA è un colabrodo, quella di AIMAG meno. Questo è l'apporto dei soci privati all'efficienza?

Sul sito dell'Autorità d'Ambito Provinciale ATO4 (l'ente che dovrebbe coordinare e indirizzare le gestioni del servizio idrico integrato e del servizio gestione rifiuti) è appena stato pubblicato il bilancio sociale 2009 <http://www.ato.mo.it/index.php/news/archivio/bilancio_sociale_2009/>.


La lettura del documento offre diversi spunti di riflessione, ma uno in particolare rivela una volta per tutte quanto fossero pretestuose le motivazioni per favorire l'ingresso di capitali privati nella gestione delle multiutilities, che tanto ha appassionato i dirgenti del PD locale e nazionale e che ha trovatoi suoi massimi epigoni nel governo Berlusconi.
Ci hanno ripetuto fino allo sfinimento che la nostra rete idrica è un colabrodo e che solo l'ingresso di privati la salverà (come se i privati stampassero da soli i soldi da investire nella rete e non li prendessero dalle tariffe che pagano gli utenti).
Per noi carpigiani poi, ci è stato detto e ridetto che l'ingresso di HERA avrebbe portato a mirabolanti "sinergie" e "piani industriali".

Bene, ora l'ATO4, con tanto di firma del suo presidente, l'assessore provinciale Stefano Vaccari, ci mette nero su bianco che per i dati disponibili fino al 2008 , la rete idrica di HERA (38% di capitali privati) ha perdite per il 32% , mentre quella di AIMAG (0% di capitali privati nel 2008, poi ne abbiamo svenduto un 25% proprio a HERA e regalato un 10%alla Fondazione Cassa di Risparmio di Carpi) era al 26%.

Insomma ulteriore dimostrazione che la scusa dell'ingresso di capitali privati nelle multiutilities risponde solo a due bisogni: quello dei sindaci di fare cassa vendendo un servizio essenziale, quello dei grandi gruppi di investimento, delle multinazionali del settore e degli speculatori di borsa di accaparrarsi lucrosi monopoli in cambio di ... niente.

Nel caso di AIMAG poi si conferma quanto il comitato promotore del referendum contro la vendita ha sempre sostenuto: il nostro brillante partner industriale ha in realtà indici di efficienza peggiori, quindi non si capisce dove starebbe il vantaggio nel tirarselo in casa.

Tenetevi a mente questi numeri,quando l'anno prossimo si andrà a votare i tre referendum per la ripubblicizzazione dell'acqua (e teneteveli a mente ogni volta che un ministro berlusconiano o un assessore del PD vi racconta la fola dell'efficienza dei privati nei servizi pubblici).

Lorenzo Paluan
Gruppo Consiliare
Lista Civica Carpi a 5 Stelle beppegrillo.it
Partito della Rifondazione Comunista

3 commenti:

Anonimo ha detto...

...gli affari sono affari, e se mai ce ne fosse bisogno, si ribadisce il concetto di quanti e innumerevoli siano gli intrecci tra interessi economici e la politica locale, la quale non dà l'impressione di essere assolutamente interessata al bene della comunità, da cui riceve consensi, per poi rovesciarli negli affari che son pur sempre affari. Del Pd. Dunque si evince, di come le varie cariche istituzionali che ricoprono questi politici si tramutino nella realtà fattuale in manager d'azienda. L'azienda del Pd. E siamo sempre lì. E fin che ci sono questi politici di basso cabotaggio a governarci, non saremo liberi di aspettarci una politica rivolta alle esigenze della comunità, poichè se la comunità interferisce con gli interessi del Pd, è dall'alto verso il basso che questi loschi figuri guardano sentenziando " ...e questi che cazzo vogliono...!? ". Chans il giardiniere

Lorenzo Paluan ha detto...

Bene Chans, salvo ricordare che su questo tema specifico, quello che avviene per l'azienda PD a livello locale, il governo Berlusconi lo vuole elevato all'ennesima potenza a sistema nazionale, con l'obbligo per tutte le amministrazioni di disfarsi del controllo delle multiutilities in nome di un'ideologia liberista che in realtà è solo promozione degli interessi di alcuni.

Anonimo ha detto...

...caro Lorenzo non ho mai affermato che quella del sig. B sia una politica esatta e quella dell'azienda Pd sia sbagliata. Sono entrambe semplicemente detestabili ed entrambe dai connotati mafiosi. Chans il giardiniere

Posta un commento

I commenti ritenuti offensivi saranno rimossi.

Generatore automatico di risposte della Giunta


Ricaricare la pagina per avere una risposta diversa.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

News in rete

AVVERTENZA: Le notizie raccolte in questo riquadro (e nella pagina a cui rimanda) sono estrapolate dalla rete in modo automatico utilizzando diverse chiavi di ricerca. Non tutte le notizie sono coerenti con l'argomento e non tutte sono recenti.

Cerca

I Blog dei Politici

Terre d'argine

Lettori fissi